La libreria alla giunzione del paraverso

Stamattina ho affrontato un poco plausibile colloquio di lavoro. Ascolto gli altri candidati: “io vivo qui,ma secondo il comune no.” “Non si preccupi: io esisto a settimane alterne.” “ Pi, Ah, Ti, Ah, Ci, Ci, Ah. Patacca.” Poi, il mio turno: accolto con un sorriso alla Jack Nicholson “Stiamo cercando persone che vivano per conto terzi.”

“Comeeeeeh?”

“Respirando, mangiando, espellendo, dormendo. Esistere, insomma”.

“Il comeeeeeh era riferito al fatto che non ho capito un’acca1 dell’offerta lavorativa”

“Veda risposta precedente”

“Cosaaaah?!?” ho ribattuto, sconcertato.

“Comunque la batteria è quasi scarica… ma niente paura: ho il cavo per qualcos’altro.”

“Argh. Vabbè, ma che dovrei fare…”

“ Aspetta, devo salvare: ctrl+S. Faccio parte dei testimoni dell’avventino, la salvezza della mia anima-L deve essere aggiornata ogni 10 minuti”

“Ah.”

“Eh, già”

“Eh”

“Eheh”

“Ehm?”

“Quindi è dei nostri?”

“Mah, dovrei ragiona…”

“GRANDIOSO! Sapevamo di poter fare affidamento su di lei!!!!”

“Ma di cosa si tratta? E quanto pagate?” Feci sempre più fioco.

“Ah, beh, dipende dalla persona che va ad esistere…”

“Esistere?”

 

“Sì, è semplice: segua il mio ragionamento:

= IF [“theteaishot.hmw” is ALMOSTTRUE

AND pay = to win

  • Set Happiness.var = 100, Bankcredit.money = x+ 60

ELSE set HOUSE = TOFIRE

 

Chiaro, No?”

“No.”

“MA COMEEEEE??? Il mondo moderno ESIGE figure pronte a compiere un’apertura mentale verso un semplice tipo di lavoro quale l’esistere un’altra personaaaaaaaAAAAA!!!” Rispose il satanoide essere che voleva farmi esistere2.

“No, guardi, ho capito, finalmente”

“Uuuh”, calmandosi “vedo che cominciamo ad intenderci io e lei, vero? Comunque la inserisco nel turno di domani, dalle 00.00 alle 24 (del giorno che vorremo noi). Ho un aggettivo che permea la funzionalità del suo indispensabile apporto per la nostra azienda: soddisfacente3. O mi sbaglio?”

“Si sbaglia. E di grosso, anche”

“Cos’è grosso?”

“Ma come… è un modo di dire…”

“Ah! Di chi? E per dire cosa poi?”

“Ecco…”

“Non lo sa. E non sa nulla di sé stesso, né del lavoro che potrebbe renderla inestimabilmente medio”

“Inestimabilmente medio?”

“Dirle una bugia non è una buona cosa, vero? Noi non diciamo mai bugie, EHEH. Dirle che potrebbe diventare inestimabilmente ricco… via! Non lo si racconta4 più nemmeno ai bambini!”

“Ma potrei diventare inestimabilmente ricco? Esiste anche una sola possibilità che io possa garantire un roseo futuro ai miei bisnipoti?”

“Beh… sì” sorrise. (Sono a casa, Wendy!)

“Allora, bene, benissimo. Mi faccia firmare tutto quello che devo firmare, per me… e i miei discendenti, sperando che la linea dinastica non si esaurisca prima per inedia”

“Lei ha un cuore d’oro5, lo sa?”

“Grazie”

“Prego”

“Non c’è di che”

“Ma lei è il benvenuto”

“Ma si figuri!”

“No, guardi, insisto!”

“Va bene, allora”

“Ecco”, concluse quell’altro “Bene, ora che abbiamo appianato le piccole divergenze che esistono naturalmente tra domanda ed offerta, il contratto!”

“Ok, mi accingo alla firma”

“Eccole il plico dei fogli da leggere (se proprio vuole) e da firmare (deve).” All’interfono:”Signorina, faccia entrare il facchino”

Entra il facchino. Applausi a scena aperta per questo attore consumato.

Il contrattuante, cioè io: 6 Ma sono 38 tomi!”

L’esaminatore, cioè l’altro: “Bene, si, bravo, ma aspetti che vado a dare il sangue al facchino”

Al facchino:” Mi raccomando, è una consegna urgente!”

Il facchino, rivolto al pubblico:

“Fatti non fosti a viver per li altri,

né a firmar contratti per la vita,

ma a viver a contatto con noialtri!”

 

io: “perché il facchino parla in terzine?”

l’altro: “ ha un Master in Lettere antiche, grazie a quello è stato selezionato per fare il facchino”

“Capisco”

Uscendo di scena, il facchino urta platealmente un cavo e disconnette una spina

BUIO

“NNNUUOOOO!!!! NUOOOUN HO SALVATO!!!! La mia anima-L sarà dannata 7X!!!

LUCE

Non vi è più alcuna tracca del datore di (lavoro?), solo alcuni specchi rotti.Con del sale per terra. Sotto a delle scale. Vestite di viola7,8,quantoserve..

 

 

 

 

 

 

1NdT: Acca, H, h: singolare femminile di incomprensione. Incompresa perché esistente e muta allo stesso tempo, soggetta ad indeterminazione quantistica.

2NdT: si noti l’accurato uso di “esistere” in questa fedele traduzione del testo originale.

3NdT: licenza poetica, impossibile traduzione letterale.

4NdT: racconto: processo agricolo di mietitura di credenze popolari, trebbiatura del subnarrato, legatura con metafore e stoccaggio presso un sito di fermentazione del significato.

5NdT: nome comune della sindrome da accumulo aurico intramiocadico, male incurabile che non ha cura. Incurabile.

6NdT: si noti il passaggio della scrittura del Maestro alla prima persona teatrale, ottima metaphora della farsesca pantomima della rappresentazione della vita scemeggiata.

7,8,quantoserveNdT: si pensi al luogo physico dove porta sfigazza nera il viola (e provateci anche a recitare un Macbeth, se vi va.); si almanacchi sul fatto del teatro in sé all’interno di questo ordinario racconto. Ogni interpretazione potrebbe essere sbagliata. La libreria alla giunzione del paraverso è il forse-luogo dove risuonano i 38 voluminosi tomi del contratto, l’à dove la fantasia viene bendata (dall’inglese bending) al fine di schiavizzare legalmente la normalità (e i lavoratori). Ecco, se siete là, dove lo spazio-tempo giunge ellittico, l’à dove le regole sono storte, andatevene: il tassista vi porterà in un’altra dimensione (?).

 

Tutti i diritti riguardo al testo “Lo scrittore smarrito” di Alessandro Brighenti e Lorenzo degli Esposti sono riservati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...